50 ANNI DI STORIA DELLA NAUTICA

DAL 1967 BESENZONI È UN PUNTO DI RIFERIMENTO MONDIALE PER L’ACCESSORISTICA E LA MOVIMENTAZIONE A

BORDO DI YACHT E SUPERYACHT. INNOVAZIONE, QUALITÀ E FLESSIBILITÀ I PUNTI DI FORZA DELL’AZIENDA, COME CI

SPIEGA IL SUO CEO, GIORGIO BESENZONI, FIGLIO DEL FONDATORE GIOVANNI

by Antonio Pavone di San Barbato

Un traguardo importante quello dei 50 anni e ne siamo orgogliosi, insieme ai nostri collaboratori senza i

quali la nostra azienda non avrebbe ottenuto i risultati di questi decenni e ora stiamo investendo molto

sui giovani che speriamo ereditino la passione e lo spirito con i quali chi va in pensione ha contribuito al successo

e alla costruzione dell’immagine che abbiamo nel mondo intero. Senza l’altissima preparazione, coinvolgimento

e determinazione dei nostri artigiani la Besenzoni non potrebbe esistere poiché il nostro punto di

forza è la flessibilità, ovvero la determinata capacità di risolvere le esigenze dei nostri clienti, i loro desideri,

perché noi lavoriamo su oggetti di passione e di piacere che comportano la soluzione di problematiche sofisticate

e particolari che richiedono grandi capacità di progettazione e maestria nel realizzarle. Negli ultimi anni

la customizzazione è divenuta fondamentale e oggi è l’80% della nostra attività”. Ci accoglie con queste parole

Giorgio Besenzoni, Amministratore Delegato dell’azienda leader mondiale – anche se lui non ama vantarsene

– nella accessoristica e componentistica nautica per yacht e superyacht, dalle passerelle alle poltrone

pilota, scale, supporti tavolo, custom project e carbon line che si fregiano di 60 brevetti e premi nel mercato

internazionale, alla movimentazione alaggio/varo con tender, gruette, carroponti, plancette. Ed è su queste ultime

che la Besenzoni ha assunto un’alta specializzazione fin da quando, come ricorda Giorgio “un cliente ci

chiese di poter portare sul fly della sua barca, a 5 metri di altezza, la sua Smart dalla quale non voleva separarsi.

Ai tempi non esisteva una gruetta capace di sollevare quel peso e la realizzammo così che oggi possiamo

farne capaci di oltre 3.500 km permettendo di portarsi nel garage di bordo anche una Bentley Cabrio”. “E’

un esempio - coninua Beenzoni - di come oggi sia necessario avere capacità non solo progettuale ma anche

quella di capire e dialogare con l’interlocutore anche nella stessa progettazione perché l’accesorio non deve essere

visibile ma integrarsi nell’imbarcazione. Quando vediamo uno yacht e non si nota il nostro contributo abbiamo

raggiunto il nostro obiettivo”. Chiediamo all’Amministratore delegato quale sia il prodotto che più

ama: “dopo la passerella idraulica automatizzata inventata dal papà, un momento di passaggio dalla nautica

tradizionale a quella moderna, trovo magnifiche le nostre poltrone sulle quali stiamo investendo e presto ci saranno

importanti novità. Un elemento molto importante per lo studio dell’ergonomia e del comfort e qui devo

dire conta molto la mia passata esperienza nelle competizioni offshore”. Infine il futuro, che Giorgio Besenzoni

vede importante “nelle movimentazioni e nei portelloni, come per le terrazze degli yacht, tutto ciò che si

muove nella barca dev’essere perfetto e deve avere facilità di montaggio perché il nostro è anche un servizio al

cantiere che comprende progettazione e ingegnerizzazione nonché competenze architettoniche quando si parla

di porte a scomparsa o, per esempio il tavolo per un cliente che desiderava poterlo spostare automaticamente

dall’interno al sun deck della sua barca. Ecco l’importanza della customizzazione e dell’assistenza che Besenzoni

garantisce attraverso gli oltre 180 centri in ogni parte del mondo”. “La Costa Smeralda è un vero Paradiso

Terrestre e affacciarsi sulle banchine di Porto Cervo appena svegliati sembra di essere in un salone nautico

di altissimo livello e… quando il tuo lavoro è parte della tua vita, guardare le barche sapendo di aver contribuito

alla loro bellezza e funzionalità è una bellissima sensazione di gratitudine per tutte le nostre maestranze 

che a questo hanno contribuito, una soddisfazione impagabile”.

Inserisci questi caratteri nel campo di testo sottostante.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.